2010-01-2242

Depositi interni agli iniettori in motori diesel con Common Rail ad alta pressione

Ambito
Per soddisfare i più severi requisiti sulle emissioni allo scarico imposti ai motori diesel, i produttori di apparecchiature originali (OEM) hanno introdotto sistemi di iniezione Common Rail in grado di sviluppare pressioni fino a 2000 bar (30.000 psi). Inoltre, gli schemi di erogazione carburante sono diventati più complessi e spesso prevedono iniezioni multiple per ciclo. La gestione di pressioni elevate e un dosaggio preciso di carburante richiedono tolleranze molto basse in ciascun iniettore. Queste modifiche hanno reso gli iniettori più sensibili alla contaminazione da particolato.

Recentemente, sono stati segnalati numerosi problemi causati dai depositi di gasolio all'interno degli iniettori. In questo articolo, si discutono i risultati di un'indagine condotta sulla natura chimica e sulle probabili cause di tali depositi. Avvalendosi di una serie di tecniche, sono stati analizzati i depositi interni di una serie di iniettori intasatisi direttamente sul campo o provenienti da test di produttori di apparecchiature originali del Nord America. In entrambi i casi, è stato rilevato che i depositi interni erano composti principalmente da sali di sodio di acidi alchenilsuccinici. Questi sali non sono solubili nel gasolio a bassissimo contenuto di zolfo (ULSD, Ultra-Low Sulfur Diesel) e possono essere presenti come particolato molto sottile in grado di passare attraverso i filtri del carburante, finendo nel rail e negli iniettori. Il sodio può penetrare nel gasolio da una serie di fonti contaminanti, compresi gli essiccatoi delle raffinerie di sale, i fondi acquosi dei serbatoi di accumulo e l'acqua di mare utilizzata come zavorra sulle imbarcazioni. Gli acidi alchenilsuccinici vengono comunemente impiegati negli anticorrosivi per proteggere le tubazioni e altre parti del sistema di alimentazione gasolio. Sulla base del meccanismo proposto, è stato sviluppato un test che riproduce la formazione di depositi e l'intasamento degli iniettori osservato sul campo e nelle prove OEM. Questo test è stato utilizzato per identificare la chimica dei detergenti e degli anticorrosivi che riducono notevolmente la tendenza a cumulare depositi in aree con basso gioco all'interno degli iniettori diesel ad alta pressione.

Data di pubblicazione: 25/10/2010
Autore: Scott D. Schwab - Afton Chemical Corporation
Joshua J. Bennett - Afton Chemical Corporation
Steven J. Dell - Afton Chemical Corporation
Julie M. Galante-Fox - Afton Chemical Corporation
Alexander M. Kulinowski - Afton Chemical Corporation
Keith T. Miller - Afton Chemical Corporation

Seguici